10:25

C’è una stazione, in pieno agosto, in una grande città.

Persone che arrivano e partono, per andare al mare col treno.

Col treno, perché non sono ricchi.

C’è la sala d’attesa, perché alla stazione si aspetta.

Sala d’attesa della seconda classe, perché non sono ricchi.

Seconda classe, bastardi!

Ottantacinque persone aspettano di partire, e partiranno per non tornare mai più.

L’orologio sopra la sala segna le 10:25.

E lì si fermerà.

Giovani parlano, anziani leggono, genitori sorvegliano bambini giocare attorno a quella valigia lasciata lì, come dimenticata da qualcuno.

È il 2 agosto del 1980.

È la stazione di Bologna.


Foto scattate a Bologna nell’Agosto del 1983


Questo racconto è stato pubblicato nell’antologia “Treni persi, presi o sognati in 100 parole”, Giulio Perrone Editore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...