L’immagine raccontata: Falco su condominio

Per l’immagine da raccontare torno ancora una volta dal nostro amico Falco di Palude (Circus aeruginosus) , che ho già avuto modo di presentare per altre sue imprese immortalate dall’obiettivo sia come pescatore (qui) che come cacciatore di piccoli roditori (qui). Stavolta lo faccio perché in uno dei miei frequenti appostamenti per l’osservazione della fauna selvatica, l’ho colto in una immagine che lo mostra con una ambientazione un po’ diversa dal solito, diciamo anche un po’ fuori dal comune, e sicuramente, visto il soggetto, abbastanza originale.
La particolarità è dovuta essenzialmente al luogo nel quale il magnifico rapace è stato ritratto, dato che si tratta di un ambiente davvero unico. Mi trovato al Centro Habitat Mediterraneo di Ostia Lido, una splendida Oasi della Lipu creata nel luogo dove un tempo c’erano discariche e baracche. Dell’Oasi fa anche parte il Parco Letterario® Pier Paolo Pasolini, dato che proprio in quei luoghi terminò la sua esistenza orribilmente assassinato il grande poeta, scrittore, regista e intellettuale italiano, luoghi che all’epoca erano appunto dominio del degrado e dell’abbandono, e nel terreno adiacente all’Oasi è presente anche il monumento a lui dedicato (a cui Nanni Moretti dedico una memorabile scena del suo “Caro Diario”).
L’Oasi si trova alla foce del Tevere, nella zona dell’Idroscalo di Ostia ed è ora una bellissima zona umida letteralmente zeppa di specie animali, stanziali e migratrici, fra le più varie e più dense di biodiversità.

Nacque come proposta alternativa ad un progetto che voleva costruire in quelle stesse zone un Oceanario (praticamente uno zoo che avrebbe irrimediabilmente distrutto tutto l’habitat della foce), e dopo battaglia portata avanti per molti anni dalla Lipu di Ostia oggi si presenta come un perfetto ambiente di stagno costiero dove sono già state censite oltre 200 specie di uccelli e dove non mancano eccellenze e rarità (fra cui Airone rosso, tuffetto, tarabusino, schiribilla, tarabuso, falco di palude, cavaliere d’Italia e a molti limicoli ed anatre, come la rara moretta tabaccata). Fra le molte fondamentali attività del Centro, c’è anche il primo soccorso di animali trovati feriti da volontari e cittadini, con interventi di salvataggio e recupero che arrivano anche a centinaia ogni anno.

E una delle particolarità dell’Oasi è quella di essere circondata da una parte dal porto turistico di Ostia, dall’altra da via dell’idroscalo ancora in parte occupata da capannoni e case più o meno abusive, e da un lato da alcuni palazzoni molto grandi e molto alti, tipici di tante periferie romane.

Questi palazzi fanno da sfondo un po’ anomalo a diversi panorami osservabili da alcuni dei capanni di avvistamento predisposti nell’Oasi. E da uno di questi, in una delle mie sedute di appostamento, ho avuto modo di ammirare il Falco di palude in uno dei suoi spettacolari, periodici e frequenti volteggi sopra gli stagni, quando arriva basso da dietro i canneti per sorprendere qualche preda, solitamente seminando il panico fra i gruppi di anatre e altri acquatici che stazionano negli specchi d’acqua, e altrettanto spesso scatenando le ire di cornacchie e gabbiani che si affrettano ad attaccarlo per cacciarlo via.

Stavolta in uno dei suoi volteggi, sempre rapidi ed elegantissimi, si è alzato sopra il canneto proprio dalla parte dei palazzi che sono diventati il curioso e inedito sfondo del suo magnifico spettacolo di acrobazia aerea. E in quel brevissimo attimo di sospensione, con l’apertura alare nella sua massima estensione, sono riuscito ad immortalarlo in questa ambientazione decisamente originale per un predatore selvatico come lui.

E quindi eccolo: Falco di Palude che volteggia maestosamente davanti ad un condominio 🙂



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...